Aggiornamento anagrafica soci

Care Socie e cari Soci,

Abitcoop sta procedendo all’aggiornamento dell’anagrafica, come previsto dallo Statuto per continuare a garantire a tutti i soci lo scopo mutualistico e per essere certa che tu riceva correttamente le comunicazioni su nuovi bandi, servizi ai soci e convenzioni dedicate.

In questi giorni potrai ricevere una telefonata dalla ditta specializzata Demetra Opinioni srl di Venezia, e ti sarà chiesto di confermare i dati in nostro possesso (telefono, indirizzo e mail).

Qualora tu non ci avessi fornito un indirizzo di posta elettronica, tu abbia cambiato indirizzo o numero telefonico ti preghiamo di voler rispondere alla telefonata, oppure se preferisci puoi compilare il coupon a fondo pagina del giornale La Casa e portarlo in sede, dove riceverai un piccolo omaggio.

Puoi anche contattare direttamente i nostri uffici Abitcoop al tel. 059 381411 negli orari di apertura; ci trovi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 – lunedì, mercoledì e giovedì anche dalle 14.30 alle 18.30, e il sabato dalle 8.30 alle 12.30.

Nel ringraziarti della collaborazione ti aspettiamo se dovessi aver smarrito la tessera Socio Abitcoop e volessi ristamparla per usufruire delle nuove convenzioni.

 

Un caro saluto
Simona Arletti


Abitcoop: sostenibilità ambientale, nuove soluzioni per la casa e rigenerazione urbana le linee guida della nuova governance

Sostenibilità ambientale ed economica, soddisfazione delle nuove esigenze abitative dei soci, sviluppo dell’attività di riqualificazione degli edifici e ricucitura del tessuto urbano: sono queste le linee lungo le quali intende muoversi Abitcoop, la maggiore cooperativa di abitanti della provincia di Modena, che a giugno ha visto l’insediamento della presidente Simona Arletti – che ha raccolto il testimone da Lauro Lugli, alla guida di Abitcoop dal 2005 – e il completamento del riassetto istituzionale e organizzativo dell’impresa.

La nuova impostazione vede le deleghe relative alla gestione d’impresa in capo al Direttore Generale, individuato nella figura di Ivano Malaguti, e la funzione di rappresentanza degli interessi dei soci e di indirizzo affidati alla Presidente. A loro è affiancata una Direzione Operativa, intesa come strumento di direzione collegiale della Cooperativa che, attraverso il Direttore, risponde al Consiglio di Amministrazione dell’andamento complessivo. Una riorganizzazione finalizzata al miglioramento dell’efficienza gestionale e della qualità organizzativa dell’impresa, in una logica di competitività e sostenibilità economica, intesa come vigile impegno ad affrontare nuovi investimenti in una chiave di valorizzazione e salvaguardia delle risorse dei soci.

 

Sul fronte della sostenibilità ambientale Abitcoop, dopo aver intrapreso fin dal 2005 la strada dell’efficienza energetica delle sue abitazioni adottando la metodologia CasaClima – che prevede requisiti stringenti in termini di parametri costruttivi e risparmi energetici – ha deciso di adottare ulteriori soluzioni a tutela dell’ambiente, a partire dalla propria gestione interna: da alcuni giorni la sede di Via Nonantolana è plastic-free, grazie alla sostituzione delle bottigliette di plastica con un erogatore di acqua e una borraccia per ciascun dipendente; è stata acquistata una bicicletta a pedalata assistita per gli spostamenti in città, e sarà installata una colonnina per la ricarica delle auto elettriche.

Sul versante delle tecniche costruttive “l’obiettivo per Abitcoop – dichiara la Presidente Simona Arletti è continuare il percorso di miglioramento del proprio know-how e della qualità delle abitazioni che costruirà in futuro, anche attraverso un rapporto più intenso con l’Università per essere sempre all’avanguardia nelle progettazioni e realizzazioni. Un esempio concreto è quello dei cappotti ecosostenibili che stiamo utilizzando nella costruzione delle ultime realizzazioni a Castenaso (Bologna), che comportano la riduzione di emissioni di gas ad effetto serra: vengono impiegate materie prime rinnovabili che si sostituiscono alle materie fossili nella produzione di sostanze chimiche. Il principio è paragonabile all’energia elettrica verde.”

 

Dal punto di vista dell’offerta abitativa prosegue l’impegno di Abitcoop per offrire ai propri soci soluzioni di qualità, ad alta efficienza energetica, meno impattanti sull’ambiente e a costi accessibili; un obiettivo, quest’ultimo, sempre più difficile da soddisfare per la mancanza di politiche pubbliche di calmieramento prezzi, in particolare a seguito del superamento delle iniziative Peep; analogamente, la cooperativa sta lavorando per incrementare l’offerta di alloggi in godimento temporaneo, sempre più richiesti, tanto che la domanda rimane notevolmente superiore al numero di alloggi disponibili. “Il tema casa – aggiunge Simona Arlettipur scomparso dalle agende della politica nazionale, rimane una questione irrisolta per migliaia di famiglie modenesi e non, una questione che danneggia particolarmente i giovani in quanto soffrono la precarietà di contratti di lavoro instabili e a breve termine, che li penalizzano nell’accesso ai mutui.

 

Anche per questo, e alla luce della nuova normativa regionale sul consumo di suolo, Abitcoop si è strutturata per estendere la propria attività agli interventi di riqualificazione degli edifici esistenti: il recupero, il riuso delle aree industriali dismesse e la rigenerazione urbana, pur stentando a decollare, rappresentano il futuro del settore, e in questa direzione Abitcoop intende guardare e svilupparsi, recitando un ruolo protagonista e coerente con la sua mission sociale. Esempio in corso di realizzazione è la riqualificazione edilizia e urbanistica rappresentata da Le Residenze di via D’Avia, che vanno a sostituire due fabbricati industriali da tempo dismessi.

Sempre a questo scopo nasce la società Abitare&Servizi SRL, costituita nel marzo 2017 e partecipata da Abitcoop per l’85 %. Ne è presidente è Andrea Prampolini, Direttore Tecnico Abitcoop.  “Attraverso Abitare&Servizi – spiega la presidente Arlettil’esperienza e le competenze acquisite con CasaClima in oltre 12 anni di costruzioni ad elevato risparmio energetico vengono messe a disposizione di coloro che – soci ma anche committenti terzi – posseggono già l’abitazione e la vogliono adeguare a standard più moderni, per beneficiare di maggiore comfort e minori costi di gestione, oltre che per migliorare l’aspetto del proprio fabbricato.  Abitare & Servizi si muove in diversi ambiti, dalla consulenza per la valorizzazione immobiliare, alla ristrutturazione e riqualificazione energetica, consentendo di usufruire della opportunità di cessione del credito derivante da interventi di efficientamento energetico. Un’opportunità che consente di abbattere in modo significativo i costi di intervento, e risulta particolarmente vantaggiosa tanto per l’utente finale quanto per la salvaguardia dell’ambiente perché riducendo i consumi si riducono gli impatti sul clima.”

 

Di seguito gli articoli usciti sul Resto del Carlino e Gazzetta di Modena e il video de Il Telegiornale edizione di Modena


Assemblea dei soci 2019

Alcune foto dell’Assemblea

Tra i presenti: Stefano Bonaccini, Presidente Regione Emilia-Romagna; Gian Carlo Muzzarelli, Sindaco di Modena; Alberto Bellelli, Sindaco di Carpi; Mauro Lusetti, Presidente Legacoop Nazionale; Maria Costi, Sindaco di Formigine; Roberto Solomita, Sindaco di Soliera; Rossana Zaccaria, Presidente Legacoop Abitanti; Carlo Zini, Presidente CMB Carpi; Andrea Benini, Presidente Legacoop Estense; Simona Arletti, nuovo Presidente Abitcoop; Ivano Malaguti, Direttore Generale Abitcoop; Simone Scagliarini, Vicepresidente Abitcoop; Morena Galli, Responsabile Amministrazione Abitcoop; Lauro Lugli, Presidente uscente Abitcoop.


Bilancio 2018 positivo per Abitcoop

Ricavi dell’attività caratteristica stabili, patrimonio in ulteriore rafforzamento, e riassetto organizzativo completato. Cambio ai vertici: Simona Arletti raccoglie il testimone da Lauro Lugli, giunto alla pensione

Modena, 19 giugno 2019 – È stato presentato ieri pomeriggio all’Assemblea dei soci il bilancio di esercizio 2018 di Abitcoop, principale cooperativa di abitanti a proprietà divisa della provincia di Modena. I ricavi dell’attività caratteristica si sono mantenuti intorno ai 16 milioni di Euro, e gli alloggi rogitati sono stati complessivamente 64. Nel corso del 2018 sono stati consegnati ai soci 69 alloggi (di cui 21 in godimento e 48 in proprietà) e sono stati avviati lavori per altri 43. Questa intensa attività ha consentito alla cooperati va di chiudere l’esercizio con un utile di 696.968 mila Euro.  In ulteriore aumento la base sociale, che al 31/12/2018 contava 19.274 soci: l’ammissione nel corso del 2018 di 245 nuovi soci168 dei quali di Modena, riflette l’ancora elevata domanda di case presente nel capoluogo e il forte radicamento e prestigio goduti dalla cooperativa.

«Non possiamo che essere soddisfatti dei risultati raggiunti nel 2018 – ha dichiarato il Presidente Lauro Lugli – che hanno confermato le nostre previsioni. La Cooperativa è solida, la nostra attenzione alla qualità dell’offerta, con particolare riferimento al risparmio energetico, è apprezzata dai soci, e l’apertura al segmento di mercato delle ristrutturazioni degli edifici sta dando i primi risultati.»

Il 2018 ha visto anche il completamento del riassetto istituzionale e organizzativo dell’impresa avviato nel corso del 2017 con l’adozione del nuovo Statuto e il conferimento delle deleghe relative alla gestione d’impresa in capo al Direttore Generale e alla funzione di rappresentanza degli interessi dei soci e indirizzo affidati al Presidente. A loro è affiancata una Direzione Operativa, intesa come strumento di direzione collegiale della Cooperativa che risponde al Consiglio di Amministrazione del suo andamento complessivo.

«L’attuale organizzazione di Abitcoop – ha spiegato il Presidente Lugli – è frutto di un processo evolutivo finalizzato al miglioramento dell’efficienza gestionale e della qualità organizzativa dell’impresa, in una logica di competitività e sostenibilità economica

Dal punto di vista patrimoniale la Cooperativa si è ulteriormente rafforzata, portando il patrimonio netto a superare i 54 milioni di Euro (54.305.531): «l’odierna solidità patrimoniale e il suo consolidamento – ha spiegato Morena Galli, Responsabile Amministrativa di Abitcoop – costituiscono elementi di serenità per i soci di ieri e, a maggior ragione, per quelli di oggi e per le generazioni future. Per questo abbiamo chiesto all’Assemblea dei soci di continuare a garantire la crescita della Cooperativa, destinando il residuo gestionale alle riserve indivisibili: si tratta di scelte fondamentali per sviluppare e diffondere ulteriormente la Cooperativa, mantenendo i vantaggi mutualistici per i soci.»

 

Offerta e richiesta di case

L’andamento dei bandi 2018 ha confermato un esteso bisogno di case ancora insoddisfatto: le richieste da parte dei soci sono state di gran lunga superiori agli alloggi offerti (anche sul mercato libero, la media è di circa 4 domande per alloggio).

Per quanto riguarda il 2019, sono attualmente attivi 5 cantieri edili per complessivi 68 alloggi, sono in corso di studio e assegnazione in appalto 5 iniziative per un totale di 111 alloggi da far partire entro il 2019, e si stanno progettando iniziative da mettere in campo nel 2020 e negli anni successivi.

In tutti i casi si tratta di interventi significativi per l’innovazione sia tipologica che tecnologica in materia di standard di comfort, indipendenza gestionale, risparmio nei consumi energetici.

 

Nuove esigenze abitative e nuove risposte: gli obiettivi futuri

«Per il prossimo triennio prevediamo di assegnare 160 alloggi, confermando sostanzialmente la programmazione triennale dell’anno precedente – ha spiegato all’assemblea il Direttore Generale di Abitcoop Ivano Malaguti – Stiamo anche lavorando per incrementare la nostra offerta di alloggi in godimento temporaneo perché riscontriamo che la richiesta da parte dei nostri soci è notevolmente superiore alla nostra offerta, ed in mancanza di nuove iniziative PEEP stiamo ricercando sul libero mercato soluzioni tecnicamente valide ed economicamente sostenibili. Le difficoltà che incontriamo sono consistenti e ribadiamo pertanto la necessità che vengano riattivate politiche pubbliche per far fronte alle nuove esigenze abitative. Il recupero, il riuso delle aree industriali dismesse e la rigenerazione urbana sono processi complessi che stentano a decollare, ma rappresentano il programma che intendiamo sviluppare, ritenendolo il futuro della nostra attività. La costituzione della società Abitare&Servizi SRL nel marzo 2017 è coerente con questo obiettivo.» 

L’Assemblea di ieri è stata l’ultima che ha visto Lauro Lugli intervenire in veste di Presidente Abitcoop: come previsto dal Regolamento adottato dalla Cooperativa, avendo maturato le condizioni per il pensionamento ed essendo giunto al termine del suo mandato, Lugli non si è ricandidato.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione, riunitosi immediatamente dopo il completamento della sua composizione, ha nominato quindi un nuovo Presidente, individuato nella persona di Simona Arletti, storica socia di Abitcoop, mentre è stato confermato Vicepresidente Simone Scagliarini.

«Formulo a Simona i migliori auguri di buon lavoro – ha detto Lauro Lugli – sono certo che saprà svolgere con passione e competenza il suo ruolo di rappresentante dei soci. La sua conoscenza del territorio e l’esperienza accumulata su tematiche specifiche come quelle ambientali sapranno orientare la cooperativa verso scelte di indirizzo in linea con le nuove esigenze dell’abitare.»


Avviso di convocazione Assemblea dei soci

I soci della Cooperativa sono convocati in Assemblea Generale Ordinaria che si terrà in prima convocazione il giorno lunedì 17 giugno 2019 alle ore 9.00 presso la Sede Sociale della Cooperativa posta in Modena, via Nonantolana 520, e, occorrendo, in seconda convocazione martedì 18 giugno 2018 alle ore 16.00 presso il MUSEO ENZO FERRARI posto in MODENA – VIA PAOLO FERRARI 85 per discutere e deliberare sul seguente

Ordine del Giorno:

  1. Bilancio Consuntivo al 31/12/2018 nonché Relazione sulla gestione, Relazione del Collegio Sindacale e Relazione della Società di Revisione; deliberazioni relative;
  2. Rinnovo parziale Consiglio di Amministrazione e determinazione compenso;
  3. Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di amministrazione per l’esercizio 2020;
  4. Rinnovo Collegio Sindacale e determinazione compenso;
  5. Informazioni in merito all’evoluzione della disciplina del Prestito Sociale con adozione di nuovo regolamento prestito da soci;
  6. Varie ed eventuali.

Ai sensi dell’Art. 2538 del Codice Civile e dell’Art.10.2. dello Statuto  Sociale hanno diritto al voto i  Soci che risultano iscritti da almeno 90 giorni nel libro soci.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione
Lugli Lauro

 

SCARICA LA DELEGA!

La delega non è più allegata al giornale «La Casa» ma deve essere scaricata cliccando qui. Chi non ha la possibilità di scaricarla e stamparla, può ritirarla, fino al giorno prima dell’Assemblea, presso la sede di Modena o gli uffici di Carpi. Ricordiamo che il delegato dovrà presentarsi in Assemblea con la delega già firmata dal delegante.


Apertura dei bandi per alloggi in godimento temporaneo o con proprietà differita a Modena e Provincia

Anche quest’anno la Cooperativa riapre i termini dei bandi per l’assegnazione degli alloggi, destinati all’ “affitto” o alla “proprietà differita”, a Modena e Provincia, che si dovessero rendere disponibili, per eventuale rinuncia da parte del socio-conduttore, nel periodo 1 luglio 2019 – 30 giugno 2020.

A decorrere dal 01/04/2019 potranno iscriversi al bando tutti i soci che alla data del 27/03/2017 abbiano i requisiti di priorità previsti dall’art. 5 del Regolamento di assegnazione.

Per partecipare ai bandi, i soci interessati dovranno presentare apposita domanda, su modulo predisposto dalla Cooperativa indicando il comune/i per il/i quale/i il socio intende richiedere l’assegnazione dell’alloggio, entro e non oltre il 11/05/2019 presso gli uffici Abitcoop di Modena o Carpi nei giorni di apertura al pubblico.


Una residenza per giovani con disabilità

Sostieni insieme ad Abitcoop la Fondazione «Dopo di Noi» di Correggio per costruire la residenza «Casa Mia» destinata a giovani con disabilità

La Fondazione «Dopo di Noi» di Correggio realizzerà nei prossimi mesi una residenza «Casa Mia» destinata a giovani con disabilità, che lì andranno a convivere per loro libera e consapevole scelta. L’iniziativa trae origine dalla legge del 2016 sul «Dopo di Noi» che è volta a favorire il benessere, la piena inclusione sociale e l’autonomia delle persone con disabilità, alle quali vengono riconosciute specifiche tutele – come la possibilità di continuare a vivere nelle proprie case o in strutture gestite da associazioni, limitando il ricorso all’assistenza sanitaria – quando vengono a mancare entrambi i genitori o quando gli stessi non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale.

Grazie al contributo della Regione Emilia-Romagna e al sostegno della Coop. di Abitanti Andria, del Comune di Correggio e delle Comunità locali si è giunti al termine della fase di progettazione della residenza. Ora si tratta di passare alla costruzione, che grazie a Sicrea comporterà solo il rimborso dei costi vivi che la cooperativa dovrà sostenere: è quindi iniziata una straordinaria gara di solidarietà cui Abitcoop ha subito aderito, affiancata da Fondazione Cooperhousing, Enti, Associazioni e persone singole che stanno dando un supporto fondamentale (tra cui un ignoto benefattore che ha donato € 35.000!): mancano ancora circa € 70.000, ma la Fondazione «Dopo di noi», e Abitcoop con lei, confida nella generosità dei sostenitori.

Si possono versare contributi, e destinare il 5 per 1.000, a: Fondazione Dopo di Noi Correggio IBAN IT20L0538766320000001826502 5X1000 C.F. 91146750350


Assegnato ad Abitcoop il Rating di legalità

L’AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha assegnato il RATING DI LEGALITÀ ad Abitcoop, principale cooperativa di abitazione a proprietà divisa della Provincia di Modena, attribuendole 2 stellette.

Abitcoop aggiunge dunque un importante riconoscimento di trasparenza e legalità ai requisiti che storicamente la distinguono, dallo scopo mutualistico alle capacità progettuali e tecnologiche particolarmente orientate al risparmio energetico, fino alla solidità patrimoniale.

Il rating di legalità è un giudizio espresso da AGCM, di durata biennale, che nel tempo è diventato un utile strumento di confronto tra imprese, principalmente tra chi lo ha ottenuto e chi non lo ha nemmeno richiesto (è su base volontaria). Anche le Pubbliche Amministrazioni hanno iniziato a prenderlo in considerazione quando formulano gare ed emanano bandi per contributi o finanziamenti agevolati: in questi casi ai possessori di Rating di Legalità viene aumentato il punteggio per la formulazione delle graduatorie, oppure viene creata una riserva nel plafond del bando a favore di chi ha ottenuto il rating di legalità.

Nella provincia di Modena sono ancora pochissime le imprese che vantano il rating di legalità.


Nuovi orari per gli uffici di Abitcoop

Informiamo i soci che dal 1 gennaio 2019 gli uffici di Modena osserveranno il seguente orario:

  • da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30
  • lunedì, mercoledì, giovedì dalle ore 14.30 alle 18.30

Nella giornata di sabato rimane aperto il solo ufficio informazioni / ammissione soci dalle ore 8.30 alle 12.30.

 

L’ufficio di Carpi osserverà il seguente orario:

  • lunedi dalle ore 8.30 alle 12.30 (informazioni)
  • lunedì dalle ore 14.30 alle 18.30 (informazioni e prestito sociale)
  • martedi dalle ore 8.30 alle 12.30 (informazioni)
  • venerdi dalle ore 8.30 alle 12.30 (informazioni e prestito sociale)

 

Si comunica, inoltre, che la cooperativa Abitcoop rimarrà chiusa per l’anno 2019 nei seguenti giorni:

  • giovedì 31 gennaio (Patrono)
  • venerdì 1 febbraio
  • venerdì 26 aprile
  • da venerdì 9 a martedì 20 agosto compresi
  • martedì 24 dicembre
  • venerdì 27 dicembre
  • martedì 31 dicembre


Modulo di autocandidatura alla nomina di consigliere di amministrazione

Dal 1° gennaio 2019 e fino al 10 febbraio 2019 per tutti i soci interessati, che possiedono i requisiti, è possibile avanzare alla Commissione Elettorale la propria autocandidatura per il Consiglio di Amministrazione della Cooperativa.

Come deliberato dall’Assemblea Straordinaria dei Soci del 20 maggio 2017, l’assemblea ordinaria dei Soci del 16 giugno 2018 ha determinato, ai sensi dell’art. 24.1 dello Statuto Sociale, che la composizione del Consiglio di Amministrazione per l’esercizio 2019, sarà  di 11 consiglieri (rispetto agli attuali 13). Pertanto con la prossima assemblea di bilancio a fronte di 5 Consiglieri che scadranno, vi sarà un rinnovo parziale di soli 3 Consiglieri.

Per favorire ed estendere la partecipazione, Abitcoop fin dal 2008 ha predisposto un Regolamento Elettorale – aggiornato con l’ultima assemblea del 20 maggio 2017 – che affida ad una Commissione, composta da Morena Menozzi, Claudio Colombini e Loris Morini, il compito di accertare non solo il possesso dei requisiti soggettivi di chi propone la propria candidatura, ma anche di selezionare in base a precisi criteri, tra le proposte, quelle che meglio rispondono al mandato ed ai compiti che gravano su un amministratore di società.

Nel suo operato la Commissione avrà attenzione ad evitare potenziali conflitti di interesse (preferendo coloro che non siano fornitori e non abbiano vertenze con Abitcoop) e, inoltre, a tenere conto delle esperienze manageriali di ciascun candidato, delle sue conoscenze e competenze, della loro rappresentatività (per zona di residenza, attività lavorativa svolta, ecc.), sempre nel rispetto, tra l’altro, della pari opportunità tra uomini e donne.

L’introduzione di questa novità, che ha incontrato apprezzamento da parte dei soci, ha consentito in questi anni di procedere ad un forte rinnovamento del Consiglio di Amministrazione, nel quale hanno potuto trovare spazio tanti giovani e donne.

Per proporre la propria autocandidatura secondo l’art. 6 del Regolamento Elettorale occorre compilare l’apposito modulo e consegnarlo a mano presso gli uffici della cooperativa, allegando un proprio curriculum vitae che sarà vagliato dalla Commissione Elettorale, il cui giudizio risulterà insindacabile ai fini della composizione della lista da proporre ai soci durante l’assemblea per l’approvazione del bilancio 2018.

La sovranità per decidere chi entra in Consiglio di Amministrazione, pertanto, è sempre e comunque in capo all’Assemblea dei soci, che possono votare la lista proposta dalla Commissione Elettorale o eventuali altre liste presentate ai sensi del Regolamento.

«Con l’introduzione di questa procedura Abitcoop – commenta il Presidente Lauro Lugliha esteso la partecipazione alla vita della Cooperativa, aumentandone la trasparenza ed allargando per i soci le opportunità di coinvolgimento nelle decisioni e nel governo della medesima».

Scarica qui il Modulo di autocandidatura alla nomina di consigliere di amministrazione.